Trasporti transfrontalieri di rifiuti: autorizzazione rilasciata da Autorità Svizzera equipollente a licenza comunitaria

13 maggio 2019

Ai sensi dell’art. 15 comma 4 del D.M. n. 120/2014 per le imprese e gli enti con sede legale all’estero la domanda di iscrizione all’Albo è presentata alla sezione regionale e provinciale nel cui territorio di competenza è ubicata la sede secondaria o il domicilio. Tra la documentazione richiesta alla lett. c) compare l’attestazione del possesso della licenza comunitaria o dell’autorizzazione internazionale all’autotrasporto di merci ove previste.
Il Comitato nazionale nella circolare n. 5 del 9 maggio 2019, recante applicazione delle disposizioni della delibera n. 3 del 13 luglio 2016 (documentazione richiesta per l’iscrizione all’albo nella categoria 6), fornisce ulteriori indicazioni riguardo all’iscrizione nella categoria 6 (imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti).
In particolare quanto alla documentazione integrativa che le imprese che intendono effettuare esclusivamente attività di trasporto transfrontaliero di rifiuti su strada precisa che sussiste una sostanziale equipollenza tra la licenza comunitaria e l’autorizzazione rilasciata dalla Confederazione Svizzera per quanto riguarda i trasporti bilaterali su strada in transito sui territori della Comunità Europea e della Svizzera. Oltretutto, tale autorizzazione è subordinata a procedure di rilascio, uso e rinnovo equivalenti a quelle previste dal Regolamento CE 1072/2009.



Circolare n. 5 del 9 maggio 2019