QUESITI

Che illecito integra la pratica di fertirrigazione con reflui zootecnici oltre i limiti quantitativi imposti dal Pua (Piano utilizzazione agronomica)?

Per dare risposta al quesito posto deve preliminarmente evidenziarsi che l’utilizzo di effluenti di allevamento per lo spandimento agronomico deve sempre  essere eseguito nel periodo e nelle quantità indicate nel Piano di utilizzazione agronomica  predisposto dall’azienda. Invero, l’art. 5 (Piano di utilizzazione agronomica) co. 1 del D.M. 25 febbraio 20161 prevede espressamente che “Ai fini della corretta utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque reflue e del digestato e di un accurato bilanciamento degli elementi fertilizzanti, in funzione soprattutto delle caratteristiche del suolo e delle asportazioni prevedibili, sia in zone non vulnerabili che in zone vulnerabili da nitrati, le aziende predispongono un Piano di Utilizzazione Agronomica di cui al presente articolo”.


SCARICA PDF

Sommario