Ambiente Legale Digesta, Settembre - Ottobre 2016

gestione-giurisprudenza

I criteri per l’End of Waste in sede di rilascio delle autorizzazioni semplificate

TAR Toscana, Sez. II, n. 1321 del 7 settembre 2016

Il rilascio delle autorizzazioni semplificate, ai sensi e per gli effetti dell’art. 216 del D.Lgs. 152
del 2006, per il recupero dei rottami di ferro deve essere valutato sulla base della normativa
comunitaria. Ai sensi del comma 8-quater dell’articolo citato, infatti, sono sottoposte alla
procedura semplificata le attività di “trattamento disciplinate dai Regolamenti di cui all’articolo
6, paragrafo 2, della Direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008”.
Nel caso di interesse, rileva, pertanto, il Reg.CE 31 marzo 2011, n. 333/2011 (Regolamento del Consiglio recante i criteri che determinano quando alcuni tipi di rottami metallici cessano
di essere considerati rifiuti ai sensi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio) il quale prevede, all’art. 3, che i rottami di ferro e acciaio non possano più essere
considerati rifiuti allorché, all’atto della cessione dal produttore ad un altro detentore, siano
soddisfatte alcune condizioni, tra cui il rispetto dei criteri di trattamento di cui al punto 3 dell’Allegato I.

  • Per quanto riguarda la disciplina semplificata concernente l’attività di recupero di materiali ferrosi o composti metallici si fa riferimento all’articolo 216, comma 8-quater del D.Lgs. 152/2006.
  • L’articolo suddetto rimanda a sua volta alla regolamentazione contenuta nel regolamento UE 333/2011.
  • Il Regolamento citato sancisce che i rottami di ferro e acciaio non possano più essere considerati rifiuti allorché siano soddisfatte alcune condizioni tra cui il rispetto dei criteri di trattamento di cui al punto 3 dell’Allegato I.
  • Il punto 3.2. dell’Allegato I prevede, nello specifico, che siano “stati portati a termine
    tutti i trattamenti meccanici (quali taglio, cesoiatura, frantumazione o granulazione; selezione, separazione, pulizia, disinquinamento, svuotamento) necessari per preparare
    i rottami metallici al loro utilizzo finale direttamente nelle acciaierie e nelle fonderie”.