Ambiente Legale Digesta Luglio-Agosto 2018

Gestione

Il riparto degli oneri relativi allo smaltimento e/o bonifica delle terre e rocce da scavo contaminate


di Niky Sebastiani

Il presente contributo si propone di fornire chiarimenti in ordine alla ripartizione – tra i vari soggetti coinvolti – degli oneri conseguenti all’eventualità in cui, all’esito della caratterizzazione ambientale  a cui sono sottoposte le terre e rocce da scavo  che esiteranno da interventi manutentivi eseguiti dal gestore del SII sulle reti idriche, le medesime risultino contaminate. In particolare, infatti, nella fattispecie ipotizzata nel presente approfondimento, il gestore del SII si trova ad eseguire interventi manutentivi sulle reti acquedottistiche gestite (che, in forza della servitù di acquedotto prevista dall’art. 1033 c.c.1, sono collocate in terreni di cui il medesimo non è proprietario) nell’ambito dei quali, tuttavia, all’esito della preventiva (rispetto all’inizio dei lavori di scavo) caratterizzazione ambientale delle terre e rocce da scavo – necessaria per poter poi gestire tali materiali come sottoprodotti  o come non rifiuti – le medesime risultino contaminate. Pertanto, nell’ambito della fattispecie ipotizzata s’individuerà su quali soggetti (gestore del SII o proprietario del terreno) ricadano gli oneri relativi allo smaltimento e/o alla bonifica  del materiale contaminato.


ACCEDI PER LEGGERE

Sommario
aggiornamento
focus
gestione
rubrica 231 e anticorruzione
rubrica il punto sull'albo